Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • www.vigilaresullastrada.it su Facebook
  • www.vigilaresullastrada.it su Twitter
  • Rss Feed
Codice della StradaRegolamentoProntuario delle Violazioni
Codice CivileCodice Procedura CivileCodice PenaleCodice Procedura Penale

AUTORE
Giuseppe Carmagnini

COLLABORATORE
Cataldo Lo Iacono

HANNO COLLABORATO
Massimo Ancillotti, Massimo Ferrughelli, Stefano Maini, Franco Simoncini, Luca Tassoni

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Raffaella Bianchi

MAGGIOLI EDITORE
Vigilaresullastrada - L'Esperto Risponde

L'esperto risponde


Argomento

Iscritto all'AIRE con patente italiana - residente in Svizzera da 14 anni - esame della situazione (Titolo IV)

Quesito

Durante un normale controllo su strada, viene fermata un autovettura con targa italiana alla cui guida si trovava cittadino italiano residente nella Confederazione Elvetica da circa 14 anni, il quale esibiva carta di circolazione del veicolo a lui intestata e concernente patente di guida italiana, riportante tutti e due alla voce relativa all’indirizzo la seguente dicitura: AIRE e il comune di relativa iscrizione all’AIRE. Dal controllo i documenti esibiti sono risultati autentici e regolarmente emessi e successivi accertamenti consentivano di verificare che la persona è residente in Svizzera - Canton Ticino. Da una prima lettura delle norme contenute dal vigente Codice della Strada, all’art. 134 rubricato con la voce “circolazione di autoveicoli e motoveicoli appartenenti a cittadini italiani residente all’estero”, nonché l’art. 136 rubricato alla voce “conversione di patenti di guida rilasciate da Stati esteri e da Stati della Comunità europea”, è previsto il caso dello straniero (comunitario e non) che con residenza in Italia da oltre un anno continua a guidare in Italia, mentre non sembra essere previsto il caso opposto. Vale a dire, come nel caso in esame, il cittadino italiano residente all’estero da più di un anno che continua a guidare con documenti rilasciati dallo stato italiano. In considerazione che non si trova una norma di raccordo, considerando quanto sopra esposto alquanto anomalo, nell’attesa di ricevere un vostro parere in merito, l’occasione ci è gradita per porgervi i nostri più calorosi saluti e un augurio di buona pasqua a tutta la redazione.

Condividi su Linkedin

Risposta

La risposta al quesito è consultabile solo per utenti registrati al servizio.
Clicca qui per visualizzarla
Previous Next
Previous Next